Bolsenanew L'area Archeologica di poggio Moscini
VOLSINII
LA FONDAZIONE DELLA CITTA'

Dopo la distruzione della capitale Velzna (265 a.C.), gli abitanti superstiti furono trasferiti dai vincitori sulla sponda nord-orientale del lago di Bolsena dove fu costruita una città con lo stesso nome della precedente (da Velzna alla forma latina Volsinii).

Con il conferimento, nel corso del I secolo a.C., della condizione di municipio, andò gradualmente mutandosi, sul piano dei monumenti, in una città romana vera e propria.

La cinta muraria della città, in opus quadratum, si estendeva per oltre quattro chilometri racchiudendo un gruppo di quattro colli.

I blocchi delle mura presentano, a volte, lettere etrusche o simboli incisi, interpretabili come segni di cava o di posa.

Tratto di cinta muraria Volsinii
Sinora è stato possibile identificare solo due dei molti ingressi che i tracciati stradali interni, disposti per assi ortogonali, lasciano intuire: uno nella parte bassa, in corrispondenza di una depressione naturale del terreno, e l'altro sul versante occidentale della città, in relazione ad un ponte scavato nel tufo, lungo il corso medio-basso del fosso della Cavallaccia.

La città romana è stata riportata alla luce dagli scavi francesi, (1961-1982) ed è, in parte visitabile.

L'ingresso dell'area archeologica è situato a cento metri circa dalla Rocca Monaldeschi della Cervara, che ospita il Museo Territoriale.
 

Appena al di là dell'ingresso sono visibili alcuni ambienti pertinenti alle terme, dette di Seio Strabone.

Proseguendo il percorso si giunge al foro di epoca flavia, delimitato da due strade parallele, sui lati est e ovest, e da una basilica, trasformata poi in chiesa cristiana.

Oltrepassato il foro, girando a destra, si arriva di fronte a tre ambienti, riconosciuti come botteghe. Si raggiunge quindi una domus, con due vani ancora affrescati; di seguito si possono osservare i resti di una "domus con atrium", caratterizzata dalla presenza di un ninfeo e di pavimenti con mosaici.
COME RAGGIUNGERE L'AREA ARCHEOLOGICA
 
Dopo la Rocca, in direzione Orvieto,s
ulla strada orvietana a 30 m circa sulla sinistra; l'ingresso è gratuito.