Bolsena:  affresco del 1587
Photo Gallery      Gallery 1 Gallery 2 Gallery 3 Gallery 4  
LA FESTA DEL CORPUS DOMINI

Solitamente in giugno, si tiene a Bolsena la festa del Corpus Domini a ricordo del miracolo eucaristico avvenuto nel 1263.
Un prete boemo, in pellegrinaggio verso Roma, si fermò a dir messa a Bolsena ed al momento dell'Eucarestia, nello spezzare l'ostia consacrata, fu pervaso dal dubbio che essa contenesse veramente il corpo di Cristo.
A fugare i suoi dubbi, dall'ostia uscirono allora alcune gocce di sangue che macchiarono il

corporale (attualmente conservato nel Duomo di Orvieto) e alcune pietre dell'altare tuttora custodite in preziose teche presso la basilica di Santa Cristina in Bolsena.

In occasione della festa viene portata in solenne processione una delle Sacre Pietre e viene realizzata dagli abitanti delle vie percorse dalla processione un'artistica infiorata.

Le vie del centro storico, per un percorso di circa tre chilometri, sono ricoperte da un tappeto fatto di petali di fiori, con disegni geometrici, simboli e scene di carattere sacro.

La raccolta dei fiori, come la preparazione dei disegni, avviene al massimo due o tre giorni prima della festa, e per le qualità più delicate la raccolta avviene alle prime luci dell'alba dello stesso giorno per mantenere inalterati i colori e la fragranza dei fiori.

Dopo aver realizzato il disegno di base su carta o direttamente sul lastricato della via, si passa alla realizzazione dei contorni con infiorescenze di castagno lasciate qualche giorno a macerare in acqua, e con fondi di caffè, o con segatura dipinta.Dopo questo primo lavoro, si riempiono a modo di mosaico le varie parti con petali, che verranno durante l'esecuzione continuamente bagnati di acqua, per mantenerne la freschezza e affinché il vento non li disperda su altre parti di diverso colore.

L'esecuzione inizia nelle prime ore del pomeriggio e termina solamente qualche minuto prima dell'uscita della processione.